• In questo momento ci sono: 16 persone che stanno guardando il nostro sito web!
meditazione
Pubblicato il : 19 Settembre 2022

La Meditazione: una pratica evolutiva

Meditazione è una prolungata ed intensa applicazione delle facoltà spirituali ed intellettive su un pensiero specifico.

L’etimologia della parola viene dal latino meditatio cioè riflessione, appunto attraverso questa pratica si arriva a raggiungere la facoltà di dominare la nostra mente in modo da riuscire a indirizzarla su un unico pensiero, con l’intento di arrivare ad una fase di quiete dal mondo esterno.

L’azione e l’effetto della meditazione è una concentrazione e contemplazione di verità religiose o problemi morali o filosofici, con profonda attenzione e severità, è uno sprofondare nella mente.

È il mezzo tramite il quale con una intensa concentrazione spirituale viene fermata la mente su un unico oggetto o pensiero, o un preciso elemento della realtà, che abbia una natura religiosa o filosofica o scientifica alfine di indagare nel profondo della natura per trovarne l’essenza.

Serve inoltre da un altro punto di vista a migliorare anche le nostre condizioni psicofisiche.

Questa pratica è stata riconosciuta da tutte le religioni, la sua comparsa è avvenuta tra il IX e VIII secolo a.C. dove nelle scritture induiste (Upanisad) si fa un primo riferimento all’uso della meditazione esplicitamente, che è arrivato fino a noi.

Come suddetto in tutte le religioni è presente la contemplazione e meditazione, prendiamo ad esempio la religione Cattolica, la meditazione è una preghiera interiore solitamente fatta in un luogo o privato o in un luogo sacro o durante l’Eucarestia, è una forma riflessiva dedicata alla parola di Dio, perché nella liturgia Cristiana la Lectio Divina cioè la lettura Divina è una lettura mistica che promuove l’unione spirituale tra l’uomo e Dio.

La meditazione è praticata da tutti, non solo da alcuni specifici adepti, ma da coloro che apprezzano tutti i suoi benefici e sono veramente tanti, come ad esempio: riduce lo stress, migliora l’umore porta serenità ed equilibrio nella mente e nel fisico, ultimamente anche la scienza ha iniziato a seguire questo fenomeno notando che chi fa uso di meditazione riesce a eliminare o comunque diminuire alcune patologie, tipo dolori muscolari o articolari. Attraverso la meditazione raggiungiamo il nostro più profondo essere rimanendo vigili e quindi gratificandoci con una pace profonda e un immenso equilibrio psicofisico.

Quindi il vero obiettivo della meditazione è quello di riuscire a concentrare l’attenzione su noi stessi, seguendo le percezioni, i pensieri e le emozioni sulla natura e quindi su ciò che ci circonda, per arrivare ad ottenere una calma interiore, una quiete ed armonia al nostro pensiero, staccare la nostra mente dal vociare quotidiano concentrandoci su una foto un oggetto svuotando la mente, solo così riusciremo a passare ad uno stato più evoluto quindi meno materiale.

Possiamo quindi dire che la meditazione ci aiuta a sprofondare nel nostro inconscio, o in un piano metafisico, dove imparare a percorrere i piani più evoluti della nostra coscienza e della nostra interiorità.

Come iniziare a meditare

Solitamente chi decide di iniziare a praticare la meditazione si affida ad un bravo maestro che ci aiuterà a capirne il funzionamento per poi sfruttarne gli effetti positivi, ma possiamo avvicinarci anche da autodidatti, anche se prima di iniziare bisogna seguire dei consigli pratici.

Come prima cosa devono essere scelti dei vestiti comodi, che non siano troppo attillati o stretti proprio per assumere una posizione comoda, e ovviamente prima di iniziare dobbiamo aver svolto un po’ di stretching, per sciogliere muscoli e tendini, specialmente quelli del collo, spalle e lombari:  dopodiché scegliere un posto tranquillo immerso nel silenzio e che soprattutto che ci dia la consapevolezza della totale concentrazione senza alcuna possibilità di interruzioni e dopo aver trovato una posizione comoda, una ad esempio seduti a gambe incrociate su un cuscino, avendo la percezione della nostra spina dorsale che sostiene il corpo (posizione del loto), possiamo chiudere gli occhi e concentrarci, con il tempo e l’esperienza potremo farlo anche ad occhi aperti.

Come prima cosa dobbiamo concentrarci sul nostro respiro magari aiutandoci con delle immagini mentali tipo il movimento della pancia che si solleva durante la respirazione, oppure i polmoni che si riempiono di aria ogni volta che facciamo un respiro, ad ogni immagine la nostra mente si rilassa, anche se le prime volte che affrontiamo la meditazione non è facile riuscire a completare questo distacco dalla realtà, anche se ogni giorno andrà meglio.

Riuscire ad arrivare ad un buon livello di meditazione ci aiuterà ad affrontare con un piglio diverso i vari ostacoli che possiamo trovare durante il cammino della nostra vita, tutto diverrà più chiaro e più sereno, si raggiungerà un equilibrio stabile e aumenterà la chiarezza intellettiva, si placherà l’ansia e ridurrà rapporti tossici e negativi.

I miglioramenti ci saranno anche sugli organi interni liberandoci dalle tossine o dalle energie negative, migliorerà la pelle e riusciremo ad avere molta più concentrazione che ci aiuterà nel mondo del lavoro e dello studio e per finire ridurrà la nostra aggressività.

 

Possibili effetti collaterali

Alcune volte la meditazione specialmente quella autodidatta potrebbe andare incontro a degli effetti collaterali poco graditi, cioè arrivando ad estraniarsi da ciò che ci circonda potremmo trascurare situazioni importanti, oppure vivere involontariamente le esperienze traumatiche del passato rimanendone sconvolti.

Non tutti sono in grado di affrontare la meditazione da soli, quindi è sempre meglio rivolgerci ad una persona esperta che ci guiderà ad affrontare nel modo migliore qualsiasi situazione, non è facile vivere i problemi con distacco.

Attraverso un insegnante riusciremo a trovare solo aspetti positivi della meditazione senza correre il rischio di essere travolti dalla stessa.

 

Articoli

tarocchi-potenzialità

Puoi scoprire le tue potenzialità con i Tarocchi

Puoi scoprire le tue potenzialità con i Tarocchi L’uomo in genere pensa di conoscersi profondamente meglio di nessun altro anche se Socrate ammoniva gli uomini dicendo “Conosci te stesso” come cosa più importante. Quindi è molto essenziale scoprire le proprie possibilità e potenzialità per migliorare la propria vita. I tarocchi possono aiutarci a fare scelte […]

Scopri di più
cartomante-chiromante

Differenze tra cartomante e chiromante

Differenze tra cartomante e chiromante La cartomanzia e la chiromanzia sono due arti divinatorie diverse, ma entrambe fanno parte del mondo esoterico anche se hanno peculiarità specifiche diverse. La cartomanzia si differenzia dalla chiromanzia perché il mago legge le carte dei tarocchi che esistono dal basso medioevo. Agli inizi le carte dei tarocchi non avevano […]

Scopri di più
croce celtica

Come leggere i tarocchi col metodo della Croce Celtica

Come leggere i Tarocchi col metodo della Croce Celtica Ci sono varie disposizioni delle carte dei Tarocchi per essere consultate, sicuramente quella principale è la disposizione da sinistra verso destra, per poi sovrapporle in modo orizzontale rispetto alla carta sottostante; tra questi troviamo la disposizione a Croce Celtica. In questo caso oltre ad avere un […]

Scopri di più